Roberta Biagiarelli alla Radio svizzera italiana

Roberta_acomesrebrenica__fotocarlosaletti_custoza10gen2014

Roberta Biagiarelli sarà intervistata alla RSI - Radio svizzera italiana di Lugano, Rete Due, sabato 9 agosto, a partire dalle ore 10, nel programma di Gigi Donelli "Tutto scorre - Storie di 3 fiumi, di tante guerre e di un po’ di pace": La puntata di sabato sarà dedicata al fiume Drina che attraversa i Balcani, luoghi di cui Roberta ha profonda conoscenza ed esperienza grazie ad un lavoro di tanti anni che parte nel 1998 con il monologo teatrale "A come Srebrenica", sul genocidio del luglio 1995 nella città bosniaca, prosegue con il documentario "Souvenir Srebrenica", finalista al David di Donatello 2007, passa per il lavoro di coordinatrice responsabile del “Progetto pilota a sostegno della Comunicazione per lo sviluppo sociale e culturale in Bosnia Erzegovina” per conto della Cooperazione in Bosnia Erzegovina /Ambasciata d’Italia a Sarajevo dal 2008 al 2010, per poi arrivare al progetto di solidarietà con Gianni Rigoni Stern "La Transumanza della Pace", raccontato nell'omonimo documentario del 2012 per la regia della stessa Roberta Biagiarelli. "Srebrenica, la speranza all’ombra del dolore" è il titolo della puntata di "Tutto scorre" in cui interverrà Roberta Biagiarelli. "La terza puntata lungo il corso della Drina riparte dalle pendici del Cer, una montagna resa celebre dalla battaglia combattuta nell’agosto del 1914 dalle truppe serbe, impegnate a fermare l’avanzata di quelle austro-ungariche. Fu il primo attacco del fronte balcanico: l’esercito di Vienna fu arrestato dove sperava in una facile avanzata. La tappa successiva sarà Srebrenica, luogo simbolo dell’inumanità della guerra, enclave di morte per migliaia di persone inermi. Con la partecipazione in studio dell’attrice Roberta Biagiarelli, ripercorreremo il viaggio di una mandria di mucche molto speciale. Nel corso di questa puntata ascolteremo, infine, le voci delle donne vittime dell’odio etnico: Elvira e Azra, due storie raccontate in prima persona, memoria vivente di una ferita che non è possibile rimarginare." Gigi Donelli

comments powered by Disqus