PARTE “CROSSING THE SEA” UN PROGETTO TRA ITALIA, MEDIO ORIENTE E ASIA PER FAVORIRE L’INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO DAL VIVO

Logo_crossing-the-sea

SETTE I FESTIVAL E TEATRI ITALIANI VINCITORI: MARCHE TEATRO / INTEATRO FESTIVAL POLVERIGI (CAPOFILA), ANGHIARI DANCE HUB, ASSOCIAZIONE INCONTRI INTERNAZIONALI DI ROVERETO / FESTIVAL ORIENTE OCCIDENTE, LIS LAB PERFORMING ARTS / CROSS FESTIVAL, FONDAZIONE FABBRICA EUROPA, ARMUNIA, MOSAICO DANZA / INTERPLAY FESTIVAL

Sono sette i partner italiani che hanno vinto, con il progetto “Crossing the Sea”, il bando Boarding Pass Plus del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali finalizzato all'internazionalizzazione dello spettacolo dal vivo e dedicato in particolare alla cooperazione nei Paesi Mena (Middle East and North Africa) e Asia.

I partner italiani impegnati nel progetto sono: Marche Teatro / Inteatro Festival Polverigi (capofila), Anghiari Dance Hub, Armunia / Inequilibrio Festival, Associazione Incontri Internazionali di Rovereto / Festival Oriente Occidente, Fondazione Fabbrica Europa, Lis Lab Performing Arts / Cross Festival, Mosaico Danza / Interplay Festival.

Il progetto vuole costruire e rafforzare relazioni con nove partner stranieri, di queste aree, che vanno dal Libano alla Cina per un’apertura a Est e stabilire rapporti di lungo periodo con realtà che operano nel contemporaneo e che stanno manifestando interesse per la produzione artistica italiana.

I partner internazionali coinvolti sono: Maqamat (Beirut, Libano), Attakalari Centre for Movement Arts (Bangalore, India), T.H.E. Dance Company (Singapore), SIDance (Seoul, Corea), City Contemporary Dance Company (Hong Kong, Cina), Shangai Dramatic Arts Center (Shangai, Cina), Hong Kong Arts Festival (Hong Kong, Cina), National Performing Arts Center (Taipei, Taiwan).

“Crossing the sea” è realizzato quindi da sette Festival e Teatri italiani già attivamente impegnati sul fronte delle collaborazioni internazionali e si concentrerà sull'accompagnamento di artisti, curatori e manager italiani nell’intraprendere nuovi percorsi professionali e nell’approcciare nuove aree di scambio artistico. I Partner stranieri sono nove organizzazioni provenienti da Libano, India, Singapore, Taiwan, Corea e Cina interessate a stabilire collaborazioni con il nostro Paese.

A questo scopo, saranno pubblicati due bandi nazionali per selezionare:

  • max 6 progetti creativi presentati da artisti italiani (prevalentemente under 35 e/o emergenti) da realizzarsi presso una o più sedi dei partner esteri e relativi a: condivisione e/o coprogettazione di processi creativi insieme ad artisti locali; residenze creative, finalizzate o meno alla produzione; confronti con l’ambiente professionale e il pubblico locale attraverso workshop, incontri, presentazioni. I progetti prevederanno una fase di lavoro e restituzione pubblica all’estero e una in Italia come effetto di ritorno; potranno prevedere la partecipazione anche di artisti provenienti dai Paesi partner;

  • 5 giovani curatori, manager e operatori che parteciperanno, come delegazione italiana, a una o più occasioni di networking presso i Paesi partner, in particolare in occasione di piattaforme o festival. Durante questi soggiorni all’estero i giovani operatori verranno accompagnati dai rappresentanti italiani del progetto, con l’obiettivo di promuovere la conoscenza diretta del settore Asia/MENA.

L’obiettivo a lungo termine del progetto è costituire un’antenna italiana e agire come facilitatore di processi di internazionalizzazione nei confronti degli artisti nazionali e di scambio con operatori e compagnie medio orientali e asiatiche.

Il progetto è sostenuto dal bando Boarding Pass Plus del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, da cui ha ricevuto il più alto punteggio in graduatoria e il massimo del contributo previsto. Partecipano al progetto come sostenitori e moltiplicatori: ACS Abruzzo Circuito Spettacolo, Associazione Culturale Danza Urbana, Triangolo Scaleno / Teatri di vetro Festival, Liv.in.g. Live internationalization gateway.

Per tutte le informazioni è possibile visitare il sito di Marche Teatro.

www.marcheteatro.it

comments powered by Disqus