Bambini-Lucignolo e Bambini-Pinocchio con le orecchie d’asino in arrivo a Serra San Quirico per “Il Paese dei Balocchi”.

Pdb_2018_11

Bambini-Lucignolo e Bambini-Pinocchio con le orecchie d’asino in arrivo a Serra San Quirico per “Il Paese dei Balocchi”. Dal 19 al 21 luglio tre giorni di giochi e divertimenti in un centro medievale chiuso al traffico. Gli adulti possono entrare solo se accompagnati da un minorenne.

Bambini-Lucignolo e Bambini-Pinocchio, con tanto di orecchie d’asino colorate, si danno appuntamento ogni anno nel loro “Paese dei Balocchi” nel cuore delle Marche, in Provincia di Ancona, a Serra San Quirico, per tre giorni di puro divertimento. In un paese storico medievale incastonato nella pietra, i bambini-somarelli giocano sicuri: per l’occasione tutto il centro viene chiuso al traffico, le auto scompaiono mentre vie e piazze della cittadina si trasformano nei luoghi del famoso libro di Collodi e si affollano di personaggi: l’albero degli zecchini, il gatto, la volpe, baracche e burattini, Mangiafuoco e Geppetto, e si può anche entrare, come fece Pinocchio, nella bocca della Balena…

“Il Paese Dei Balocchi” è il nome dell’evento dedicato all’infanzia e a tutti coloro che hanno voglia di tornare bambini; per la ventitreesima edizione propone giochi, teatro, animazione, laboratori a cielo aperto, leccornie da venerdì 19 luglio a domenica 21 luglio, dalle ore 17 alle ore 24, tra le stradine animate da attori, clown, acrobati, funamboli e musicisti, con punti di animazione professionali dislocati nei più suggestivi spazi del centro storico.

La manifestazione è curata nella Direzione Artistica ed Organizzativa dall’Atgtp Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata, ed è promossa dal Comune di Serra San Quirico, con il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Marche - Servizio beni e attività culturali, Unione Montana dell’Esino Frasassi, AMAT Associazione Marchigiana Attività Teatrali.

Come tutti i Paesi dei Balocchi che si rispettino, per entrare è necessario passare dalla dogana. Ad ogni bambino viene rilasciata una carta d’identità con l’impronta del pollice; genitori, nonni e zii possono entrare solo se accompagnati da un minorenne. Entrare, giocare, divertirsi fino allo sfinimento è assolutamente libero e gratuito per tutti. È garantito un servizio di parcheggio a Serra Stazione, con servizio di Bus Navetta per raggiungere il Paese dei Balocchi.

Durante l’intero arco della manifestazione, inoltre, saranno allestiti stand gastronomici con cucina tipica locale. Ogni sera, alle ore 21,30, iniziano gli spettacoli di teatro ragazzi, con un biglietto d’ingresso a 5 euro: venerdì 19 luglio va in scena “L’albero di Pepe”, poetico incontro tra una bambina e un albero speciale, con la compagnia Atgtp; sabato 20 luglio la compagnia KanterStrasse propone “Amletino”, tre attori sul palco per dare vita al classico shakespeariano rivisitato in versione ironica; domenica 21 luglio il Tib Teatro rappresenta “C’era 2 volte 1 cuore”, delicato spettacolo all’insegna della tenerezza e della fiducia nell’amore, dedicato ai più piccoli.

Per l’edizione 2019, inoltre, il Paese dei Balocchi accoglie due progetti di Teatro Sociale con il debutto di due nuove performance teatrali: il progetto di accoglienza Sprar “Ancona Provincia d’Asilo” che partecipa per la prima volta con lo spettacolo dal titolo “L’albero” (venerdì 19 luglio alle ore 19.30, Parco delle Rimembranze, ingresso gratuito), e il progetto “H-Demia” che partecipa per il terzo anno con gli attori professionisti e non del laboratorio “Liricabile” di Ancona (19, 20 e 21 luglio).

“L’albero” - un gioco, uno spettacolo che parla di comunità, potere e condivisione - è l’esito finale del laboratorio di teatro integrato realizzato all’interno del progetto Sprar “Ancona provincia di Asilo”, e vede in scena Dankora Moussa, Henry Godwin, Hashi Abdi Khadar, Mosavi Arsan Ali, Mohsin Mohanan, Hashim Mohsin, Hryharan Elina, Alessia Maurizi, Lucia Grattini. Il progetto è stato promosso da Coo.S.S. Marche, Vivere Verde Onlus, Polo9, ANOLF, ed è stato condotto dall’ATGTP con le operatrici Lucia Palozzi Arianna Baldini, Chiara Gagliardini.

Il progetto “H-Demia”, sostenuto dai Servizi Sociali del Comune di Ancona, è un laboratorio tenuto da educatori e operatori teatrali dell’ATGTP con persone di diverse abilità, che si mettono in gioco attraverso il teatro, divertendosi e scoprendo insieme nuove possibilità espressive.

comments powered by Disqus