“Ø SCENE”, IL LOOP DI OSIMO RIAPRE LE PORTE ALLA SCENA TEATRALE CONTEMPORANEA SI PARTE IL 29 FEBBRAIO CON AMMA, PROGETTO DI TRE GIOVANI ARTISTI MARCHIGIANI

Fbcover_oscene

Con Ø Scene il teatro torna al Loop di Osimo da sabato 29 febbraio fino ad aprile con tre spettacoli e un workshop che permetteranno di scoprire prospettive diverse e nomi innovativi del panorama nazionale che hanno accettato la sfida del club e di Collettivo ØNAR in collaborazione con AMAT e Malte e con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Osimo.

Ø Scene è il successore spirituale di Crisalidi, rassegna realizzata nel 2019 dalla stessa squadra, che replica alcune intuizioni, come la possibilità di consumare al bar durante l’evento e l’assenza di posti a sedere in platea, che gli spettatori potranno gestire in autonomia portandosi da casa un cuscino o magari condividendolo con chi sta loro accanto. “Puntiamo a costruire un contenitore – afferma Giacomo Lilliù, direttore artistico del progetto - in cui accogliere un teatro immediato, aperto, trascinante, proprio come può esserlo una performance musicale. La scommessa è riuscire a introdurre nuovi pubblici a modalità originali del fare e del vedere teatro, mettendo al centro le generazioni più recenti”.

La rassegna si apre il 29 febbraio con il primo studio di AMMA, nuovo spettacolo firmato dagli attori Arianna Primavera e Matteo Principi oltre che dallo stesso Lilliù: una formazione tutta marchigiana che, nonostante la giovane età, ha alle spalle esperienze importanti in Italia e all’estero. AMMA (dal greco αμμα, “nodi”) è la vivisezione dissacrante ma forse anche dolorosa di una relazione di coppia, un groviglio di punti di vista in cui la versione di ciascuna metà è compromessa imperscrutabilmente dal comportamento dell’altra.

Ulteriore protagonista del cartellone è Napo, voce e testi del leggendario duo avant-rap Uochi Toki nonché fumettista sui generis, che dal 30 marzo condurrà FFF - Frattali, Frattaglie, Freestyle, un workshop inedito per espandere il concetto di freestyle oltre le singole discipline; chiunque desideri mettersi in gioco ha tempo fino al 10 marzo per iscriversi. Il 3 aprile la conclusione del workshop coinciderà con Panismo da foglio bianco, performance creata e interpretata da Napo appositamente per la rassegna: un esorcismo contro la paralisi creativa, a metà tra improvvisazione e happening teatral-musicale.

La chiusura di Ø Scene è prevista per il 29 aprile con Potrei amarvi tutti de La Tacchineria, gruppo fondato da ex compagni della Scuola del Piccolo di Milano che si sono già distinti a livello nazionale e internazionale su palchi importanti e con maestri di assoluto rilievo. Lo spettacolo, vincitore nel 2018 del Premio Pancirolli, mette in scena la paura di avvicinarsi all’altro e di andare a fondo nelle relazioni al ritmo incessante di una base techno. La regia è di Alessandro Bandini, la drammaturgia di Caterina Filograno, quest’ultima anche in scena con Alfonso De Vreese, Ugo Fiore, Marta Malvestiti e il dj Guglielmo Prati.

Inizio spettacoli ore 21.30; biglietti 5 euro (acquistabili anche su www.vivaticket.it).

comments powered by Disqus