Open Call INSORTI 2020. Performance site specific.

Insorti-opencall2020-tec-324x160

InsOrti – Festival d’arte performativa site specific arriva alla sua quinta edizione, incurante del maggese che il 2020 sembrava volergli imporre.

Come nelle ultime cinque estati, InsOrti avrà luogo all’interno dello spazio Ai 300 scalini, a Bologna: luogo di culture e colture, spazio verde che giaceva in stato di abbandono e ripristinato nel 2014 dall’associazione Teatro dei Mignoli, riaperto al pubblico per farne un progetto di coltivazione, di arte e di comunità. A due passi dalla città, uno spazio in collina che comprende vari orti, una vigna, un forno comunitario, alcune arnie, un vivaio, un palcoscenico e un piccolo rifugio di collina.

Fin dalla nascita del progetto Ai 300 scalini, la collina si è presentata come prima dialogatrice nella proposta di nuove attività, inducendo uno sguardo attento e minuzioso, delle orecchie disponibili all’ascolto e dei corpi e degli spazi pronti ad abbandonarsi al dialogo con ciò che la stessa natura propone.

Quest’anno abbiamo dovuto ripensare la nostra consueta rassegna “Estate ai 300 scalini” sulla situazione contingente. Abbiamo provato ad immaginare un modo per annullare virtualmente le distanze fisiche che per la sicurezza di tutti dobbiamo mantenere, un modo di rendere le disposizioni ministeriali un’occasione di rinnovato dialogo con lo spazio: fare di necessità virtù, imparando dall’esemplare resilienza del mondo vegetale.
Ripartire sì, ma dalla comunità plurale che abita, visita, performa e fruisce lo spazio Ai 300 scalini.
Riconoscerci nuovamente dopo l’inatteso letargo della primavera 2020, e farlo attraverso il teatro, la musica e l’arte tutta. A fronte di tutte le difficoltà, che affliggono noi, i nostri colleghi e molte altre categorie, il nostro desiderio di rincontrarci è forte e inscalfibile.

Quest’anno la nostra proposta culturale si articolerà tutta attorno ad una versione intensiva del festival InsOrti, che nelle scorse edizioni era di un solo fine settimana; si tratterà di un extra concentrato di arte, incontro e natura da metà luglio a inizio settembre.

Al più presto presenteremo il programma dettagliato.

Anche quest’anno InsOrti si avvale di una chiamata ad artisti di ogni natura, chiedendo di immaginare la propria opera all’interno dello spazio Ai 300 scalini. Oppure di riadattare qualcosa di già esistente allo spazio. Come ogni anno, la chiamata è aperta a ogni forma di arte “vivente”, dalla musica alla performance, dal teatro alla land art, dalla danza alle videoinstallazioni.
Vi invitiamo a proporci i vostri progetti senza nessuna restrizione di tipo contenutistico o stilistico. In maniera del tutto eccezionale, chiediamo di strutturare il proprio progetto in maniera “resiliente” nei confronti delle disposizioni ministeriali sullo spettacolo dal vivo (prediligendo ad esempio fruizioni con piccolo numero di spettatori, che tengano conto delle distanze e quant’altro).
I lavori selezionati andranno a comporre parte della programmazione del festival InsOrti.
Ai progetti selezionati spetteranno 400 euro netti + rimborso spese.
La scadenza per l’invio delle candidature è il 5 luglio 2020.
Per il regolamento completo si rimanda qui
Info sul blog: http://ai300scalini.blogspot.com/

InsOrti fa parte di Bologna Estate 2020, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città metropolitana di Bologna – Destinazione Turistica.

Fonte: Teatro e Critica

comments powered by Disqus